Fiera Milano, oltre 150mila visitatori per Host e TuttoFood

Successo oltre le previsioni per le manifestazioni internazionali dell'ospitalità professionale e dell'agroalimentare con 2700 espositori italiani e esteri. L'ad di Fiera Milano, Luca Palermo: "La scommessa di tornare a incontrarsi di persona si è rivelata vincente, c'era voglia di fare business". Accordi e partnership per promuovere il made in Italy sui mercati esteri

Oltre 150 mila visitatori professionali, un risultato che ha superato ogni aspettativa, il ritorno in presenza di HostMilano e TuttoFood che si sono tenute per cinque giorni nel polo espositivo di Fiera Milano a Rho, in contemporanea con Meat-Tech. E si era capito dal primo giorno di apertura che le manifestazioni dedicate all’agroalimentare e all’ospitalità professionale avrebbero segnato la svolta definitiva, un momento chiave della ripartenza che ha messo il turbo con tutti i padiglioni affollati, la presenza continua di visitatori italiani e stranieri che non si è mai fermata fino al giorno di chiusura, martedì 26 ottobre. Una data da segnare: fiera partecipata, business, lingue straniere che risuonavano in corsie e stand con le aziende di tutte le filiere che si sono presentate con novità di prodotto - innovazione e sostenibilità come strategia di mercato - a partire da quelle made in Italy.

“La scommessa di tornare a incontrarsi di persona si è rivelata vincente – commenta soddisfatto Luca Palermo, amministratore delegato e direttore generale di Fiera Milano –. C’era grande voglia di fare business dal vivo, come dimostrano gli incontri dei tanti visitatori con più di 2.700 aziende. Insieme ai nuovi accordi siglati da Fiera Milano, questa vivacità rafforza l’approccio di filiera che occorre all’ecosistema italiano dell’agroalimentare e dell’ospitalità e fuoricasa per presentarsi all’estero in maniera organica”.

Edizione 2021 che consolida il crescente ruolo di Fiera Milano come hub espositivo europeo, volano decisivo di internazionalizzazione per le imprese italiane di ogni dimensione. Una strategia continuativa e organica, come dimostra il costante incremento della presenza dei buyer internazionali, anche in collaborazione con ICE Agenzia.

Occasione anche di accordi importanti come la nuova partnership con Filiera Italia e Coldiretti che promuoverà il made in Italy agroalimentare nel mondo con modalità innovative puntando a raddoppiare il valore dell’export da 50 a 100 miliardi. Il recente accordo con Informa Market - tra i leader mondiali nel settore fieristico con oltre 450 eventi in portafoglio - porterà in modo ancora più capillare in mercati esteri strategici le aziende presenti alle manifestazioni di Fiera Milano. Tra i primi appuntamenti in calendario la partecipazione di imprese italiane alle prossime edizioni di FHA-HoReCA, fiera dedicata al food e all’hotellerie organizzata da Informa a Singapore.

“La collaborazione tra Fiera Milano e Informa Markets – prosegue Luca Palermo – prende avvio dai settori Food & Hospitality, dove siamo leader a livello internazionale, per poi proseguire in altri settori. Siamo certi che questa alleanza possa rappresentare un’ulteriore opportunità di internazionalizzazione da offrire alle aziende che partecipano alle fiere. La nostra ambizione rimane invariata: vogliamo rafforzarci come hub europeo in grado di ospitare congressi e manifestazioni di respiro mondiale. Per questo siamo sempre più concentrati ad attivare partnership con grandi attori internazionali”.

Con questa edizione HostMilano e TuttoFood si sono confermate come piattaforme non solo di business ma anche di presentazione di dati e ricerche, condivisione di conoscenze, competizioni internazionali e scoperta di nuove tendenze, eventi organizzati con le più importanti associazioni di categoria.

Autore